Firenze, Città Leggera: Fioreria Parigi – Appassionati da Generazioni

  • Articolo pubblicato:Giugno 4, 2021
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

“Firenze: Città leggera” è il progetto che nasce da CycloLogica con la mission di trasformare la città in una immagine di respiro, di riduzione dell’inquinamento, dello stress, di recupero delle relazioni, del tempo e degli spazi urbani. Ad oggi più di 60 negozi si rivolgono a CyL quotidianamente, partecipando ad un progetto innovativo per rendere Firenze una città sostenibile e più bella. Una città che respira.

La nostra ottava tappa del viaggio urbano si ferma a Firenze sud, in via Edimburgo 44, un negozio di fiori e piante da interno molto curato e che si tramanda da generazioni. Incontriamo Martina, molto impegnata nel lavoro “Con i fiori c’è sempre qualcosa da fare, li devi curare, dare acqua, concime, trovare la posizione giusta e tutto questo ti impegna molto!”

Il negozio è ben assortito e i servizi sono molteplici dallo shop online, ai fiori freschi ogni giorno, piante da appartamento e da esterno, fiori artificiali e stabilizzati, oggettistica, idee regalo, consegne a domicilio, servizio Interflora e ovviamente, consegna a domicilio con il servizio di CycloLogica!

La nostra passione per i fiori va avanti da tre generazioni, prima mio nonno, poi mia mamma e adesso io! Mio nonno lavorava per un fioraio poi decise di aprirne uno suo in via dè Bardi, mia mamma dava una mano finchè non è diventato il suo lavoro, io avevo studiato tutt’altro poi ho fatto qualche corso e mi sono appassionata. E’ un lavoro creativo, a contatto con le persone, in cui puoi sempre esprimere del tuo!”

Patrizia, la madre di Martina 7 anni fa aprì il negozio in via Edimburgo oltre a quello storico in via Dè Bardi “agosto 2020 abbiamo deciso di tenere solo questo in via Edimburgo, il centro è totalmente cambiato dopo la pandemia e aver puntato tutti questi anni solo sui turisti, con questa crisi lo ha fatto impoverire, spero che nel futuro si pensi la città per i suoi abitanti e torni a essere vissuta a chi è del luogo!”

Lascia un commento